Business entertaining

Ma gli italiani sono bravi seguaci del business etiquette? In realtà, fare affari in Italia può essere complicato soprattutto per chi viene dagli Usa, dal Regno Unito, dall’Europa occidentale, ma anche dal Giappone e dalla Cina. Queste nazioni sono abituate a fare affari in maniera più formale e con un…

Continua

Sette sono i secondi che bastano per fare una buona o una cattiva impressione. E le prime dodici parole sono quelle che catturano l’attenzione del proprio interlocutore. Sembra una formula matematica ma si tratta solo di “business etiquette”, il galateo degli affari. Addirittura, pare che il 93% degli interlocutori d’affari…

Continua

In sala da ballo

Che si tratti di un gala con ballo o di una serata di balli latini, il bon ton delle danze ha le sue regole. In genere, è l’uomo a invitare la donna, la quale deve concedere almeno un ballo (solo dopo può ritirarsi!). Se è la dama ad invitare il…

Continua

Ciao

Una formula di saluto amichevole, confidenziale, divenuta di uso internazionale. È un’espressione di saluto tra intimi e amici, che però non va gridato da un marciapiede all’altro. Ha origini venete, deriva da s-ciao (o s-ciavo) che significava: sono tuo schiavo. Il ciao sottintende il tu, forma confidenziale, che si ricambia…

Continua

Le formule di saluto

Le principali formule di saluto sono “Ciao”, in contesti informali ed confidenziali, “Buongiorno” e “Buonasera”, in contesti formali, “Salve”, quando si intende restare sul vago, e “Arrivederci” o “Buonanotte”, come forme di commiato. Queste forme spesso vengono accompagnate da una stretta di mano o, tra parenti e amici, da due…

Continua

Buon appetito!

Non è chic augurare “buon appetito” ai commensali prima dei pasti. Il divieto risale a quando nobili, feudatari e signori, in determinati periodi dell’anno (come il tempo del raccolto o per le grandi battute di caccia) erano soliti dare banchetti anche per i servitori. In queste occasioni, il padrone rivolgeva…

Continua

Come comportarsi…

In strada, il contegno di una signora deve essere corretto e riservato. Non deve voltarsi, non deve fare commenti sulle persone che incontra, non deve parlare e ridere forte. Se viene salutata da un uomo, risponderà con un sorriso e con una leggera inclinazione del capo. Una signora in compagnia…

Continua

Il vero gentleman si riconosce anche per strada

Infatti, non ferma mai una signora (tocca a lei prendere l’iniziativa) a meno che non ci sia una certa confidenza tra i due. Se l’accompagna non si ferma a salutare le conoscenze che incontra ma fa un cenno con il capo o saluta in modo veloce ed accennerà un saluto…

Continua

Mi alzo o non mi alzo?

Un dilemma quasi amletico! La decisione di alzarsi o restare seduti per salutare qualcuno va presa in base a precise regole di educazione. Intanto, premesso che quando si arriva in un posto occorre salutare i presenti, all’arrivo di altre persone, non tutti devono alzarsi per salutare i nuovi arrivati. Si…

Continua

Confini personali

Il linguaggio non verbale ha un ruolo molto importante nei rapporti interpersonali. Per quanto riguarda la distanza che le persone stabiliscono fra di loro mentre interagiscono, quella da tenere durante un primo incontro è di circa 45/70 centimetri quando ci si presenta, dopodiché può anche arrivare ad un metro se…

Continua