Ciao

Una formula di saluto amichevole, confidenziale, divenuta di uso internazionale. È un’espressione di saluto tra intimi e amici, che però non va gridato da un marciapiede all’altro. Ha origini venete, deriva da s-ciao (o s-ciavo) che significava: sono tuo schiavo.

Il ciao sottintende il tu, forma confidenziale, che si ricambia con persone dello stesso ambiente. L’anzianità, il peso professionale e sociale, dovrebbero porre un freno al dilagare del «tu».

Se è vero che al «tu» e al «lei» ci si deve adeguare prontamente rispondendo con la stessa forma, al «tu» che viene da persone anziane o importanti, è opportuno rispondere con il «lei».

I commenti sono chiusi.