Codice deontologico

ANCEP Codice deontologico
Premessa
Ancep esige dai propri associati l’osservanza delle raccomandazioni etiche e dei comportamenti espressi in questo codice di comportamento professionale, che vuole costituire una guida e un orientamento per i cerimonialisti, e si fonda su valori e principi comuni dei Soci della nostra Associazione i quali, aderendo ad essa, si impegnano ad accettarli e rispettarli in ogni momento dello svolgimento della loro attività professionale.
E’ basato su un profondo rispetto per le istituzioni pubbliche e un elevato senso di servizio nei confronti degli enti pubblici nel loro insieme, a partire da quello nel quale/per il quale si lavora. Elemento essenziale di questo Codice è la piena e totale condivisione di quanto contenuto nel Decreto “Disposizioni generali in materia di cerimoniale e disciplina delle precedenze tra le cariche pubbliche” del 2006/2008.
Dal punto di vista professionale Ancep, consapevole dell’importanza di tutelare e valorizzare l’attività del cerimonialista, impegna i propri soci a mantenersi informati e aggiornati sulle norme relative alla professione e sulle modalità pratiche conseguenti; li impegna inoltre a perseguire attivamente la propria crescita culturale e formativa nel settore, al fine di accrescere costantemente la propria professionalità, e ad operare con alti livelli di professionalità, integrità, senso di responsabilità, aggiornando e migliorando costantemente le proprie competenze, anche attraverso frequenti aggiornamenti.
Art. 1
Il socio Ancep, nella sua attività professionale, è guidato da un elevato senso del servizio al pubblico nel suo insieme, e non esclusivamente a singoli soggetti specifici.
Art. 2
Il socio Ancep si impegna esplicitamente a rispettare quanto contenuto nel decreto “Disposizioni generali in materia di cerimoniale e disciplina delle precedenze tra le cariche pubbliche” del 2006/2008.
Art 3
Il socio Ancep si impegna a rispettare le norme relative alla tutela della privacy (L. n.196/2003) e, se dipendente di ente pubblico, si impegna a rispettare il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 62 del 16 aprile 2013, avente ad oggetto il codice di comportamento dei dipendenti pubblici, di cui all’articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, pubblicato il 7 giugno 2013 sulla Gazzetta Ufficiale n. 129 del 4 giugno 2013, regolamento che indica i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare.
Art.4
Il socio Ancep si impegna esplicitamente a non utilizzare la propria posizione e il proprio ruolo per scopi personali, di propaganda politica o partitica e, più in generale, per scopi diversi da quelli connessi alla miglior valorizzazione del ruolo e dell’immagine dell’ente per il quale opera, mettendosi sempre nella posizione di potere giustificare le proprie azioni e le proprie decisioni a tutte le parti interessate e, se necessario, anche al pubblico più vasto.
Art. 5
Il socio Ancep si impegna a sostenere l’Associazione, a riconoscerne i principi fondanti e lo Statuto.
Art. 6
Il socio Ancep si impegna ad operare con professionalità e ad arricchire ed aggiornare costantemente le proprie competenze relativamente al proprio settore di attività.

I commenti sono chiusi.