#IoRestoaCasa con il nuovo numero di Cerimoniale Oggi…

I nostri auguri di Pasqua…

Gentili Amici e cari Colleghi,

è con un forte trasporto emotivo che formulo a Voi tutti, alle Vostre Famiglie e agli Staff professionali di cui siete parte, il più affettuoso augurio in vista della Pasqua ormai imminente.

È una Pasqua particolare quella che ci accingiamo a vivere a causa della drammatica situazione causata dall’epidemia Covid – 19 che ha colpito molto duramente il nostro Paese impegnando tutti in uno sforzo personale e collettivo senza precedenti. Ad essere sotto l’attacco dello spietato nemico invisibile è il mondo intero e ciò deve portare la riflessione, oltre che sull’importanza della ricerca scientifica e dell’organizzazione dei servizi, anche sulla necessità di tenere in maggiore considerazione valori fondamentali quali la coesione, l’aiuto reciproco, il rispetto. Più che mai come in questo momento appare visibile nella sua intera portata planetaria il detto popolare “Siamo sulla stessa barca”. Tutti! Sulla stessa barca o, aggiungo cambiando registro metaforico, insieme nella stessa trincea. L’interesse di ognuno è l’interesse collettivo. Anche noi ci uniamo con forza al coro di ringraziamenti al personale sanitario, alle Forze Armate e dell’Ordine ed a quanti con il loro prezioso lavoro stanno consentendo, a costo di grandi sacrifici personali, di affrontare questa prova.

Ecco allora che il nostro lavoro – quello dei Professionisti della comunicazione simbolica, delle relazioni personali e istituzionali, del rispetto di protocolli condivisi – assume un significato speciale per almeno tre ordini di ragioni. 

Il primo è legato al fatto che ognuno, nel proprio ambito, deve muoversi nel miglior modo possibile affinché gli impulsi dettati dall’intemperanza, dalla paura o dall’egoismo, trovino anticorpi in grado di riportare tali stati d’animo (anche utilizzando le sempre proficue leve della riservatezza e dell’operosità) entro i cardini normativi ed etici dettati dalla Costituzione della Repubblica Italiana.

Il secondo aspetto è che di fronte all’emotività del momento e al presentarsi di comprensibili, oltre che apprezzabili, manifestazioni spontanee di incoraggiamento reciproco, di condivisione del dolore e di desiderio di riscatto, nei tempi e nei modi giusti venga tutelato l’uso della Simbologia pubblica e istituzionale affinché questa possa essere compresa nei suoi messaggi comunicativi e non inflazioni, nel tempo, il significato di rappresentanza. 

Da qui il terzo che è quello dell’identità: dobbiamo far sì che la Repubblica Italiana esca da questo terribile momento più solida, forte, temprata dalla prova e capace di mettere in campo tutte le sue forze migliori. Noi vogliamo e dobbiamo essere parte di queste forze. 

È questo il messaggio che mi premuro di inviare insieme agli auguri di buona Pasqua, una festa religiosa che, a prescindere dal credo di ciascuno, nel suo antico racconto di sofferenza, sacrificio, risurrezione e salvezza, riesce a delineare in modo eccezionale una prospettiva ricca di valori positivi e di grande fiducia, evidente e apprezzabile anche sul piano squisitamente laico.

Ecco perchè siamo anche particolarmente orgogliosi di presentare il sesto numero del nostro Quadrimestrale di informazione professionale “Cerimoniale Oggi” nel quale abbiamo provato a raccogliere varie riflessioni insieme ad approfondimenti, incontri ed interviste con importanti Personalità. Nonostante le difficoltà legate al momento attuale, abbiamo fortemente voluto far regolarmente uscire la nostra Rivista per contribuire non solo a tener alta l’attenzione sui temi di cui ci occupiamo ma anche per provare ad offrire un’ulteriore occasione per trascorrere più serenamente questo particolarissimo periodo senza perdere di vista quanto accade nel mondo del Cerimoniale e del protocollo anche a livello internazionale così da poter ripartire, speriamo il prima possibile, con ancora più slancio ed entusiasmo.

Quando l’emergenza mondiale Covid – 19 sarà passata, infatti, dovremo fare i conti con una realtà che non sarà più quella conosciuta fino a ora e si presenteranno alla comunità internazionale nuovi scenari. Dobbiamo prepararci all’appuntamento. Sono certo che sapremo affrontare questa sfida, pronti a dare il nostro contributo e con il nostro massimo impegno, perché in fondo siamo indissolubilmente Donne e Uomini delle Istituzioni.

Buona lettura e… ancora auguri!

IL PRESIDENTE

ASS. NAZ. CERIMONIALISTI ENTI PUBBLICI

(Leonardo Gambo)

Il Messaggio video che il Presidente Nazionale ANCEP, Cav. Leonardo Gambo ha voluto inviare ai Soci in occasione delle festività pasquali 2020.
Cliccare sull’immagine per scaricare gratuitamente il Giornale

GIUSEPPE DAMIANO IANNIZZOTTO

SEGRETARIO GENERALE DI ANCEP - Associazione Nazionale Cerimonialisti Enti Pubblici

I commenti sono chiusi.